lunedì 4 marzo 2013

A guardarli bene


Ci sono pittori che dipingono il sole come una macchia gialla, ma ce ne sono altri che, grazie alla loro arte e intelligenza, trasformano una macchia gialla nel sole
Pablo Picasso
 
 

Ci sono maghi che non hanno bisogno di bacchette magiche, né di filtri, né d’incantesimi, a loro basta un pennello.

Ci sono artisti capaci di sollecitare la fantasia, l’immaginazione; artisti narranti che raccontano, cioè, una storia, ma non una storia qualunque.

Ci sono quadri capaci di arredare una stanza e di renderla unica, incantata: opere d’arte in grado di vincere le sfide più audaci dei nostri salotti, di sconfiggere grigiori e quotidianità e di regalare di continuo racconti fantastici a chi sa accostarsi e godere dell’armonia.

Ma da dove nasce questa armonia? Dai contrasti dei cromatismi? Dalle linee nette? Dalle forme ironiche? Dai personaggi che si dondolano sulle tele, nelle tele, oltre le tele?

Li vedete anche voi fluttuare nell’aria? Li vedete andare al galoppo? Siete capaci di sentire i loro dondolii? Il rullo del tamburo? E lo schiocco dei loro baci? Insomma, guardarli vi fa girar la testa? E, ascoltateli: cantano giro giro tondo? No?

Peccato! Se non li vedete vivi, se non li sentite cantare avete dimenticato il vostro bambino (quello che è in voi!): andatelo a ripescare e portatelo a vedere la mostra

 

A guardarli bene

La pittura di Giovanni Coscarelli

 

che resterà ad Agropoli, presso il Palazzo delle Arti, fino al sedici marzo.

O, se l’avete già fatto, tornateci con nuovi occhi per vedere finalmente lo stupore.

(Milena Esposito)

Il Centro Studi Hemera

di

Antonella Nigro

vi invita al terzo appuntamento di

imago

rassegna artistica

 

A guardarli bene

La pittura di Giovanni Coscarelli


 

Palazzo Civico delle Arti

Via C. Pisacane (zona Porto)

Agropoli (SA)

 

La mostra è visitabile gratuitamente fino al 16 marzo.

Orari: 10,00/12,30 - 16,00/20,00

lunedì chiuso

1 commento:

  1. Marisa Russo4 marzo 2013 11:45

    L'Arte (quella autentica!) dà alla vita quella magica profondità che la rende intensamente vibrante!Creatori e fruitori possono "danzare" in un'altra dimensione!

    RispondiElimina